L’Unione Europea facilita la nuda proprietà

Fu proprio Immobiliare.it, circa un anno fa, a mettere in evidenza come il fenomeno della nuda proprietà  fosse in crescita in Italia; da un lato per la crescente difficoltà delle fasce più anziane della popolazione, dall’altra perché molti piccoli investitori cominciavano a guardare con interesse alla nuda proprietà come opportunità per acquisire, a costi ridotti, un piccolo patrimonio immobiliare. Anche l’Unione Europea ha deciso di mettere mano alla nuda proprietà, arrivando a istituire un bando che ha dato origine al progetto Over to Over e, in Italia, vedrà impegnate nella fase di sperimentazione laLiguria e la Toscana.

L’idea è quella di creare un’agenzia pubblica che possa acquisire e gestire il patrimonio degli anziani intenzionati a vendere la nuda proprietà; questo li favorirà sia nella gestione pratica del processo, sia nella selezione delle opportunità attraverso una rete solidale che vedrà coinvolti, fra gli altri, anche banche, associazioni di volontariato ed Enti pubblici.

Come ha detto Lorena Rambaudi, assessore alle politiche sociali per la Regione Liguria, quello che è un bene patrimoniale non si trasformi in un limite, ma sia un’opportunità. Va considerato che molti anziani si trovano in difficoltà economiche quando hanno da gestire, ad esempio, i pagamenti delle bollette o dell’IMU di un immobile di grandi dimensioni.

Anche gli agenti immobiliari faranno la loro parte e la costituenda associazione collaborerà con loro in maniera fattiva e trasparente così come con i fondi immobiliari, le associazioni artigiane e le società di gestione che, ciascuna con la propria professionalità e per le proprie competenze sarà coinvolta in questo processo dagli importanti risvolti sociali.

Annunci in vetrina